Il Castello Ducale di Agliè

su
Gnius
immagine al post Il Castello Ducale di Agliè

castello-ducale-agliè-2Il Castello Ducale di Agliè è una delle molte residenze Sabaude protette dall’UNESCO nell’area del piemontese ed è situato appunto ad Agliè, piccola cittadina di circa 2600 abitanti in provincia di Torino.
Fra tutte le residenze Sabaude questo castello fa parte del cosiddetto circuito dei castelli del Canavese, ovvero di quelle residenze nobiliari situate nell’omonima area che ha come centri cittadini più importanti Ivrea, Chiavasso, Ciriè, Curognè e Rivarolo Canavese.

Il Castello Ducale di Agliè è una delle maggiori strutture fra quelle appartenenti ai castelli del Canavese assieme ai castelli di Ivrea, Masino e Moncrivello.
Questo magnifico edificio fu costruito a partire dal XII secolo ed era di proprietà della nobile famiglia dei San Martino ed è solo dopo molti secoli che i discendenti della famiglia decisero di voler mutare il medievale aspetto del castello.

Agli inizi del 1800 la famiglia Savoia divenne proprietaria del Castello Ducale che contribuirono nuovamente a rinnovarlo secondo il gusto architettonico dell’epoca.
Oltre a restaurare completamente gli interni e l’arredo dell’edificio, i Savoia commissionarono la costruzione del parco circostante ad esso, un elegantissimo giardino all’italiana con tanto di lago.

I Migliori Hotel a Torino – Tripadvisor.it

A costituire una vera attrazione quindi non sono esclusivamente le magnifiche stanze all’interno del Castello ma anche l vasto parco che lo circonda.
Costruito su terrazze, con siepi ed alberi che in tipico stile italiano formano figure geometriche affascinanti e corredato con bellissime statue settecentesche, fra cui la più famosa è quella raffigurante la personificazione della Dora Baltea, il fiume immissario del Po.

Nel 1939 il Castello Ducale di Agliè venne venduto allo Stato italiano e fino ai nostri giorni la sua bellezza non è per nulla mutata.
La particolarità di questo luogo lo rende perfetto come scenografia per film, serie tv o graphic novel ambientate nel XVII o nel XVIII secolo; degli esempi reali che possono essere porti sono la fiction ‘Elisa di Rivombrosa‘ o le miniserie tv ‘Maria Josè‘ e ‘La Bella e la Bestia‘.

castello-ducale-agliè

Oggi ovviamente il Castello di Agliè è adibito a museo e può essere visitato da chiunque ne abbia voglia.
Tutte e 24 le stanze di questa magnifica struttura, compresa la cappella, la biblioteca, la sala di caccia e le camere da letto possono essere visitate così come il bellissimo parco circostante.
Le informazioni riguardanti i calendari di apertura e gli orari di visita e le tariffe per la visita turistica sono tutte presenti sul sito ufficiale del Castello Ducale.

Il consiglio che vi diamo se volete visitare il Castello Ducale di Agliè e le altre bellezze paesaggistiche e culturali della città di Torino e della sua provincia è di sfruttare un bel weekend soleggiato di Giugno.
Così facendo troverete strutture come queste con i lavori stagionali in autunno ed inverno già terminati e sopratutto i parchi saranno rigogliosi ed in fiore; uno spettacolo decisamente più gradevole ai sensi!

Vola a Torino con Volagratis – Voli Low Cost

Oltretutto nel periodo di Giugno sfrutterete anche i bassi prezzi della bassa stagione estiva.
Un hotel dal buon rapporto qualità-prezzo, che si possa dire di fascia media nella città di Torino vi costerà solamente 50-60€ a notte per una camera doppia.
Dunque se siete in cerca di un weekend all’insegna di nuove scoperte artistiche del nostro Paese tenete in considerazione questo magnifico castello nel nord Italia.

Leggi Anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi