Villasimius – Sceglila per la tua Vacanza in Sardegna

villasimius-4

Villasimius è uno dei posti dove si scopre l’antichità del popolo mediterraneo.
E questo è uno solo delle tante risposte alla domanda “dove andare in vacanza in sardegna?“.
Già popolato in età prenuragica è stato prima uno dei porti più fiorenti dei Fenici, conquistato poi dai Punici, dai Romani fino ad arrivare al medio evo, in cui divenne prima parte del giudicato di Cagliari prima e parte del giudicato di Gallura e Pisa sotto il dominio dei Visconti. Abbandonato per lungo tempo il territorio di Villasimius è di nuovo tornato a popolarsi verso il 1800.

Tutti questi avvenimenti hanno lasciato segni ancora evidenti, come è possibile vedere al museo archelogico di Villasimius, in cui si sono raccolti gli oggetti che testimoniano i passaggi delle tante popolazioni dagli antichi Fenici fino alla caduta dell’Impero Romano.

Le spiagge più belle di Villasimius

Difficile dire quali sono le spiagge più belle che circondano Villasimius e quali non lo sono, la zona è ricca di grandi e piccole spiagge con tanti tipi di sabbia differente, da quella soffice e sottile come borotalco a quella rocciosa fatta di piccoli ciottoli, per questo ho elencato quelle che ho frequentato di più.

La spiaggia di Capo Carbonara

La spiaggia di Capo Carbonara si raggiunge comodamente in auto, è una spiaggia molto riservata lunga poco più di un centinaio di metri e larga in media sui 5 metri.
La sabbia è composta da poca sabbia e tanti ciottoli di granito, sull’altura si vede ancora la cava per l’estrazione del granito che veniva usata fino a pochi decenni fa e i resti della lavorazione che formano la parte più rocciosa della spiaggia.
Il mare diventa subito abbastanza profondo e ci sono delle scogliere sommerse che offrono panorami incredibili per gli amanti del diving e dello snorkeling. La scogliera più grande forma la scogliera di Sant’Elmo, poco a largo dalla spiaggia e che consiglio di visitare con maschera e boccaglio se si ha a disposizione un’imbarcazione per arrivarci.

Da visitare ma ricordatevi ti portarvi un buon paio di scarpe da mare.

La Spiaggia del Riso

Si chiama così perchè è formata da piccoli sassolini di quarzo che brillano al sole e la rendono bianchissima e morbida. Sta ad ovest del lago poco vicino il piccolo porto turistico. E’ una spiaggia attrezzata dove c’è la possibilità di prendere ombrellone e lettini.
La spiaggia scende verso il mare dolcemente, e per questo è una delle spiagge preferite per chi ha i bambini piccoli. C’è anche un bar ristorante dove si mangia molto bene.
Il fondale è abbastanza pulito ed il mare è molto molto limpido, purtroppo non c’è molto da vedere per chi ama fare snorkeling.

La Spiaggia dei Notteri e spiaggia del Giunco

Dal lato opposto del promontorio c’è la grandissima spiaggia dei Notteri, che è un lembo rialzato di sabbia molto fine che divide il lago dal mare. Il lago è uno dei posti in cui vengono a riposare i grandi uccelli migratori e nel periodo giusto si possono vedere anche i fenicotteri che riposano e cercano il cibo sul fondo del lago.

La spiaggia scende molto dolcemente in mare e si tocca anche a 30 metri dal bagnasciuga. E’ la spiaggia preferita per chi ha i bambini, è tra le più grandi della zona ed una zona è attrezzatissima con lettini, ombrelloni, bar e ristorante.
Ai lati ci sono delle bellissime formazioni rocciose levigate dal mare e dal vento che diventano un sistema di anfratti e ripari per tantissimi pesci, anemoni e stelle marine, uno spettacolo anche se bisogna allontanarsi un po’ dalla spiaggia ed arrivare nella parte rocciosa sotto la torre.
Molto affolata ad agosto.

La Spiaggia di Porto Sa Ruxi

Sicuramente una delle spiagge più belle della zona, lontano dai centri abitati e scarsamente attrezzata, è presente però un bar e un piccolo ristorante e le docce a pagamento (2 euro!).
All’inizio della stagione quando ci sono ancora poche persone sembra di esser naufragati su un ‘isola deserta, con i cespugli di mirto e rosmarino che profumano l’aria e una quantità di vita sottomarina da incantare anche i subaquei più esperti.
La sabbia è mista, a seconda delle calette e della posizione si ha solo sabbia o sabbia e ghiaietta, che scende dolcemente verso il mare.
Per chi ama lo snorkeling consiglio di nuotare verso ovest, tra le scogliere ci sono delle piccolissime calette per riposarsi, e volendo portarsi dietro un paio di scarpette da mare si può tornare a piedi camminando tra i cespugli di mirto.

La Spiaggia di Punta Molentis

Questo è il paradiso di chi ama lo snorkeling e il diving. Punta Molentis è un piccolo promontorio che forma una baia, la spiaggia è una lingua di terra proprio poco prima dello scoglio del promontorio e da un lato è di sabbia bianchissima e l’altro lato è roccioso.
Il lato sabbioso, come dicevo, si affaccia sulla baia e il mare è limpidissimo e rimane basso per decine di metri.
Un’altra spiaggia sempre a Punta Molentis è Rio Trottu, che è la spiaggia a metà della baia.
E’ una spiaggia lunga formata dall’erosione delle rocce, la parte più morbida è di sabbia mista a ghiaietta fine che scende regolarmente verso il mare.
E’ uno dei posti più incontaminati del sud della sardegna, e la fauna ittica e selvatica è molto presente, e si possono vedere con facilità uccelli che nidificano tra i cespugli e branchi di pesci appena fuori la baia.

villasimius-3

Cosa Vedere a Villasimius

Come abbiamo detto all’inizio dell’articolo Villasimius è uno dei luoghi abitati più antichi della storia dell’uomo, e nonostante non si sia fatta nei secoli molta manutenzione di questi posti, è ancora possibile visitare molte delle

Fortezza Vecchia

La fortezza di Villasimius è molto particolare. La parte principale è stata sicuramente costruita nel 1300 e poi, con gli anni e con l’aumento degli scontri per il controllo della zona la fortezza è stata ingrandita.
La pianta attuale è quello che è stato costruito in circa 300 anni, dal 1300 al 1600 circa, e quando si vede per la prima volta il pensiero che viene in mente è: “ma come è fatto?”
I lavori sulla fortezza hanno seguito tutti i punti da cui è stata attaccata nel tempo, aggiungendo mura e prolungando zone della fortezza fino a farla diventare quella che è oggi.villasimius-2

Il Museo Archeologico di Villasimius

Il museo è composto da 4 sale dove sono potete vedere le sculture preromaniche, famosissime quelle dei volti, le anfore e il vasellame fino ad arrivare al periodo fenicio, c’è anche il modello della barca con gli occhi degli antichi fenici, poi i reperti romani, con delle splendide sculture ma anche oggetti d’uso comune.
Nella sala del relitto ci sono i resti di una nave spagnola del 1400 affondata vicino a villasimius, e recuperata in parte, compresi gli oggetti dei marinai che stavano a bordo.
Ci sono cannoni, spade, coltelli e tutto quello che il mare non ha distrutto.
Uno dei migliori musei presenti nei piccoli centri del posto.

Snorkeling e Diving a Villasimius

Ci sono molti centri importanti per le immersioni a Villasimius e dintorni.
Tutti offrono ottimi servizi e offrono escursioni sottomarine di grande impatto.
Le zone più “battute” sono l’isola dei Cavoli, nell’Area Marina Protetta di Capo Carbonara e la vicina isola di Serpentara.
La vita marina è ricchissima, e si possono sia visitare le scogliere ricche di anemoni e pesci di scoglio, si le grandi distese di posidonia su fondo sabbioso e roccioso.
Inoltre intorno a Villasimius ci sono anche parecchi relitti e molti reperti sottomarini che vale la pena visitare.villasimius-1

Condividi!
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0
TI potrebbero interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *